Quante volte vi è capitato di entrare in una Spa e sentirvi abbandonati a voi stessi?

Spesso accade che il personale non abbia l’accortezza o il tempo di accompagnarvi nell’area umida per indicarvi come utilizzare le attrezzature presenti come sauna, bagno turco, reazioni fredde e aree dedicate al riposo.

Qui vi vengo in aiuto!

Questa sezione del blog nasce per informare e far conoscere a chiunque frequenti l’area umida il suo corretto utilizzo.

In qualsiasi struttura che io vada, puntualmente trovo persone che girovagano per la Spa come se fosse un parco divertimenti, utilizzando scorrettamente le aree e le attrezzature.

Anche da terapista mi capita spesso di dover richiamare gli ospiti che non leggono i regolamenti e non vedono, o non vogliono vedere, le targhe esposte con le indicazioni.

Sono voluta andare fino in Val di Fiemme per farmi ospitare dall’azienda Starpool, leader in progettazione e realizzazione di soluzioni benessere e attrezzature per la Spa, allo scopo di raggiungere il mio obiettivo, e anche il loro, di educare l’ospite a muoversi correttamente nel percorso benessere.

 

Attenzione!

Saune e bagni di vapore, sono da usare con consapevolezza!

Prima di utilizzare le attrezzature è necessario informarsi. Chiediamo agli operatori le caratteristiche igienico-comportamentali delle attrezzature del centro benessere, e  soprattutto se siamo in cura o prendiamo dei farmaci, rivolgiamoci anche al nostro medico.

Fuori da ogni cabina ci deve sempre essere esposta la targhettina dove vengono indicate le temperature, la percentuale di umidità, il tempo massimo di permanenza, controindicazioni e modalità di utilizzo. Il mio invito è quello di leggere, leggere, leggere SEMPRE!

Ricordatevi bene il motivo per cui state utilizzando l’area umida… dovere trarre dei benefici (non il contrario), allenando il vostro organismo e aumentando le vostre difese immunitarie!

Caldo – Freddo – Riposo

Esponendo il nostro corpo alle alte temperature inneschiamo tutta una serie di reazioni che creano nel nostro organismo una sorta di stato febbrile. Il sistema circolatorio produce ossigeno insieme a quello linfatico, le ghiandole sebacee secernono il sudore cercando di raffreddare il corpo e mantenere gli organi vitali sotto i 37 gradi, il battito cardiaco accelera e la respirazione si modifica.  Questa condizione attiva il nostro sistema immunitario fortificando il nostro stato di salute.

Ecco il motivo per cui dopo le sedute in ambienti caldi bisogna sempre raffreddare il corpo favorendo la vasocostrizione e la detossinazione del corpo, riportando il fisico in una situazione di equilibrio naturale.

Il riposo è sempre molto importante perché lascia il tempo al corpo di riprendersi dopo lo sbalzo di temperatura e reintegrare i liquidi persi. 20 minuti sono sufficienti a rallentare tutte le funzioni metaboliche attivate in precedenza. Per consentire al sangue di defluire in maniera corretta è essenziale coricarsi con le gambe alla stessa altezza del cuore.

L’effetto finale? La mente e il corpo iniziano a distendersi sprigionando una forte sensazione di benessere. Proprio quello che cercavamo di raggiungere.

 

In collaborazione con Starpool Wellness Concept https://www.starpool.com/